domenica 13 maggio 2012

Un sabato qualunque

.. un sabato italiano, come diceva la canzone. Che si fa in un sabato italiano finalmente di sole e caldo, tanto caldo? La spesa, le pulizie, il giro per i centri commerciali, si prepara la cena con gli amici ... Io avevo già deciso che mi sarei dedicata al giardinaggio. Per non perdere tempo, la sera prima avevo già comperato le piante fiorite che intevo piantare (sì, perché l'idea era quella di avere più fiori e meno piante verdi), e ieri mattina intorno alle 10 mi sono messa all'opera. Prima il giardinetto davanti, che alla mattina è in ombra, perché ieri faceva davvero troppo caldo per lavorare al sole. Ecco la situazione di partenza:

Il verde è predominante in questa piccola aiuola, che io vorrei invece trasformare in una sorta di "cottage garden", dove sono i fiori a farla da padrone. Devo precisare che quando mi dedico al giardinaggio non ho idea di quello che faccio, vado semplicemente a casaccio. Allora, quel cespuglio grosso in alto che si vede bene nella prima e seconda foto, è il fratello di altri due che ho già estirpato perché non li sopportavo più. Sono grossi, informi e invadenti, e credo proprio che prima o poi se ne andrà anche lui. L'idea è di montare un semiarco sopra il cancelletto che si vede nella seconda foto e di piantare al posto del cespuglione una bella rosa rampicante. Mi immagino già l'ingresso incorniciato da tante belle rose (non ho ancora deciso di quale colore, ma credo rosse o rosa).

 Per ora, mi sono concentrata sulla parte bassa. Eccola:

Vedete quell'altro cespuglio che nella terza foto si trova tra il gruppetto di fiori (viole petunie e tageti) e il gruppo di fiori di trifoglio rosa che si intravede sull sfondo? Ecco, anche lui verrà sacrificato al nuovo "concept": + fiori - piante verdi! Per lui mi spiace, non è invadente e al cambio della stagione le foglie diventano rosse, davvero decorative. Però dietro a lui ci sono altri due suoi fratelli che rimangano (... per ora). Quindi il primo lavoro è stato quello di estirpare il suddetto cespuglietto.
Ma torniamo al sabato qualunque. Per una come me, che per lavoro passa la maggior parte della giornata fuori casa, un sabato in giardino è anche l'occasione per scoprire un po' il mondo del condominio. Ed ecco quindi che mentre lavoro il signor Franco si affaccia al balcone e come sempre mi fa un sacco di complimenti. Eh sì, lo ammetto, il signor Franco ha un debole per me ... Lui mi chiude la porta del garage la mattina, così non devo scendere dall'auto, mi porta i pomodori coltivati nel suo orticello, ha oliato i cardini della porta delle scale perché faceva rumore e mi infastidiva ... Il signor Franco ha più di ottant'anni ed è il nonno di tutti i bambini del condominio, aggiusta biciclette e annaffia i giardini, e ha sempre una parola e un sorriso per tutti :-) Ma torniamo al giardino. Voilà, parecchi minuti e una bella sudata  dopo:
il cepsuglietto non c'è più!
In questo spazio andrò a piantare  i miei nuovi acquisti: petunie rosa, fiori di vetro fucsia e bianchi, verbena  rossa e bianca e una pianta della quale non ricordo il nome :-(, ma solo che inizia per "d". Magari qualcuna di voi più brava di me me la sa riconsocere? ;-)
Ma il mondo del condominio non finisce col signor Franco. Mentre sudo e mi sporco di terra, ho anche la compagnia dei miei vicini di destra. Sono pensionati, milanesi veri, e sembra di avere per vicini la versione dialettale di Sandra e Raimondo, perché litigano sempre e parlano sempre milanese. Questa volta argomento di discussione sono le vacanze. La signora è decisa: Sardegna si, Calabria no, e lo ribadisce più volte a qualcuno al telefono. Lui, fuori in giardino, commenta tra sé e sé ogni frase della moglie: sembra una sit-com, e io ridacchio sotto i baffi.
Poco dopo attacca la famiglia del piano di sopra: papà e figlia devono uscire, ma la bimba si è messa in testa di indossare proprio quel maglione, e il papà cerca di farla ragionare: ci sono 30 gradi, fa troppo caldo per il maglione!! La discussione va avanti almeno mezz'ora tra capricci di lei e sospiri di lui. Mi space, non so come va a finire perché a un certo punto ho dovuto interrompere i lavori per preparare il pranzo. Per farla breve, dopo tre ore e più di lavoro, ecco il risultato:
Non è molto più grazioso?
Guardate che carina la verbena:

Lo ammetto, l'ho scelta bianca a rossa perché ultimamente questa accoppiata mi è tornata in auge e la sto ripropondendo anche in casa, abbinata all'azzurro.
Ed ecco la pianta misteriosa: chi sa dirmi come si chiama???

Ecco la petunia:

E i fiori di vetro:



E un primo piano anche alle violette gialle che mi stanno dando grande soddisfazione: sono sopravvissute all'inverno, sono ricresciute forti e belle, sono spuntate qua e là anche nel prato e io ad una ad una le sto raccogliendo e sistemando tutte vicine:

Avevo un'ultimo angolino da sistemare. Purtroppo mi sono scordata di fare una foto del prima, comunque non ho fatto altro che diradare quei cespuglietti verdi-gialli che si intravendono in tutte le foto, soprattutto nella prima, nella parte di aiuola che guarda verso la casa. Lì ho piantato una tappezzante bianca che ho già avuto in passato (nome: boh?). Eccola vicino ai miei vasetti di basilico e prezemolo:

Crescendo si aggrapperà al muretto e cascherà in avanti, molto bella davvero.
Naturalmente non è finita qui, come dicevo vorrei paintare la rosa e anche una peonia sul fondo dell'aiuola. Poi c'è un buco proprio in mezzo nel quale sembra che stia fiorendo la lavanda, speriamo, e dietro la lavanda avevo piantato dei piselli odorosi che però, pur crescendo e allungandosi, non sono mai fioriti. Qualcuna sa perché, e ha suggerimenti da darmi???? Ecco il triste buco in questione:

Nel pomeriggio sono passata al giardino sul retro. Lì si trattava di piantare un'ortensia.  Sul retro abbiamo piantato tre alberi (già troppi, considerate le esigue dimensioni del giardino), e l'idea era di non piantare altro. Cuore di mamma però ha ceduto alle richieste di Claudio (allora dieci anni) che desiderava un angolino tutto per sè ("ci penso io, lo curo io, te lo giuro - te lo prometto"). Naturalmente, dopo l’entusiasmo dei primi momenti, l’angolino è sempre stato curato dalla sottoscritta ma più che altro è stato libero di autogestirsi.
Anche qui purtroppo prevale un cespuglione disordinato  (quello verde scuro)che ogni tanto mi tocca potare, e l’idea era di sfoltirlo e piantargli davanti l’ortensia.  L’impresa però si è rivelata più ardua del previsto perché prevedeva anche il trasloco di un’altra pianta che sta davanti (quella a foglie verdi-gialle), ma questa non era affatto morbida e docile come sembrava. Tutto ciò che sono riuscita a fare è stato ricavare uno spazietto dove ho potuto collocare l’ortensia, ma la sistemazione non piace affatto. Spero che la mia piantina fiorita comunque attecchisca bene e  cresca, e che col tempo sia in grado di soppiantare il cespuglione verdone.

Scene da condominio anche sul retro? Si, ma non belle, una litigata tra marito e moglie, avrei preferito non  sentirla :-(. Ma io, com'ero conciata io? Ho evitato di fotografarmi al termine delle quasi 6 ore di giardinaggio, non era un bello spettacolo, ma per me parleranno le mie mani:

E' sfocata, ma credo che le vesciche si vedano bene lo stesso. Ahi che dolor!
Ma come si conclude un qualunque sabato italiano? Spesso con una bella cena tra amici. Io desidero qui ringraziare Federica (mia follower - GRAZIE! e prezioso aiuto in un periodo particolare della mia vita - GRAZIE GRAZIE GRAZIE!), e suo marito Luigi (amico di lunghissima data del mio Cicci) per una bella serata che attendevamo da tanto. E un saluto particolare ai loro bellissimi bimbi: la principessa Sofia e lo spavaldo Federico ai quali mando un grosso bacione e li ringrazio per la compagnia e le risate.

Il sabato è finito e ora è già domenica. Per fortuna dopo una nottate ventosissima e una mattina grigia e fredda ora è spuntato il sole. Lo dedico a tutte le mamme come me, che oggi festeggiano la loro giornata, in una domenica qualcunque, una domenica italiana. AUGURI!!!

13 commenti:

  1. Premessa: il mio pollice è nero. E per di più sono terrorizzata dagli insetti, x cui da me (che ho solo un terrazzo) niente fiori. Faccio i complimenti a te e ai bellissimi colori dei fiori.
    Posso però commentare la "vita da condominio"??? io la adoro, ne parlavo anche qui http://iaiamamma.blogspot.it/2012/03/la-primavera-che-mi-piace.html (sì, ho un blog anche io, anche se ultimamente lo trascuro!): adoro aprire le finestre e "sentire" il condominio, i chicchiericci delle bambine o l'aspirapolvere della vicina....dici che son matta????

    RispondiElimina
  2. Ma che bella sorpresa! Ora sono una tua follower e ti ho messa tra i blog da seguire. Anch'io apprezzo i rumori del condominio ... ogni tanto .. quando sono di buon umore :-) Mi piacciono i bambini che giocano a pallone fuori, i vicini che si salutano da un giardino all'altro, la bimba di 2 anni che abita a fianco a me che chiacchera con la nonna; mi piacciono molto meno i rumori la sera quando è ora di andare a dormire (sono MOLTO sensibile ai rumori quando dormo), il cane che sta di fronte che quando è solo abbaia per ore; la mia vicina che quando è per le scale parla SEMPRE coi suoi bambini ma ha un vocione grosso e ti sembra di averla in casa :-))). Insomma, sono un'ammiratrice a sprazzi della vita di condominio: sì quando sono di buon umore, no quando sono nervosa ... Forse soffro di disturbo bipolare!

    RispondiElimina
  3. No beh, ma pure io amo la vita di condominio dalle 08 del mattino alle 19.00 ....poi basta, perchè il vicino che ieri sera (mio we libero) si è messo a tagliare l'erba all'ora di cena mi ha fatto imbestialire!!! ;-)

    RispondiElimina
  4. No vabbè ma il mio commento di ieri sera dov'è???
    Ti dicevo che la pianta con la D, secondo suggerimento di Ciccio, è la Dipladenia!!!!
    Uff... ma perchè ogni tanto sparisco??? Non è la prima volta... :-(

    http://ciccisnestandgarden.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. SIII!!!!!! E' LEI!! E' LEI!!! E' la dipladenia!! Grazie Ciccio, grazie grazie grazie!!! :-) E' vero, un altro tuo commento si era perso ma l'avevo recuperato nella posta di gmail, questo invece no. Chissà in quale delle tante tasche segrete di internet è finito ... ma grazie per essere ritornata e avermi risolto il mistero della pianta senza nome :-))

    RispondiElimina
  6. :-D Se ti era arrivato via mail allora forse ce l'hai nella spam del blog... a me una volta è successo così!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che 'gnorante che sono, non sapevo neppure che ci fosse una cartella spam del blog. Ho trovato lì il tuo primo commento mai uscito, ma non il secondo ... BOH??

      Elimina
  7. Sì sì, e pensa che non è ancora finito. Ma guardarlo mi dà soddisfazione e gioia :-)

    RispondiElimina
  8. Che bello io adoro fare giardinaggio.....
    Dopo hai una grande soddisfazione nel vederlo tutto sistemato;D
    Grazie ancora per la tua visita nel mio blog.....
    Ci vediamo presto!!
    Un bacione
    Sabry!!

    RispondiElimina
  9. Grazie per la visita Sabrina. Il tuo blog mi è piaciuto molto, e le tue rose sono bellssime! Tornerò a trovarti, magari hai qualche buon consiglio sul giardinaggio da darmi ;-)

    RispondiElimina
  10. Che bel giardino, sei bravissima!!! Che carino che è pieno di fiori :) e davvero belle le foto!

    RispondiElimina